Home Mostre

LA LENTEZZA DEL VIAGGIO

E-mail Stampa PDF
slowlow

Un dinamismo lento, movimenti ampi e diluiti da numerose pause: il viaggio di Roberto De Santis attraverso la vita, e insieme il percorso della sua lunga esperienza artistica raccontati nell’ultima, intima serie di tele del pittore. “La Lentezza del Viaggio” è in esposizione al Dynamo dal 10 al 30 novembre 2011.

 

Soltanto solo, sperduto, muto,

a piedi, riesco a riconoscere le cose.

(P. P. Pasolini)

 

La vita è movimento. Ma la lentezza è necessaria per guardarsi intorno e per riuscire a “vedere” realmente, con attenzione e partecipazione. Il riconoscimento è il frutto di un processo di elaborazione che richiede tempo e distensione. Si abbandona la velocità e si sceglie di camminare lentamente, da soli. E infine si sente il bisogno di fermarsi, perché la riflessione possa dispiegarsi in tutta la sua profondità, e ampiezza.

 

Nelle opere di Roberto, la riflessione porta a una completa astrazione dalla realtà. Prive di riferimenti figurativi e di possibili chiavi di lettura concettuali, le grandi tele di De Santis lasciano spazio all’emozione dell’osservatore, che raramente coincide con quella del pittore. Ogni viaggio, anche quando è condiviso, è sempre un’esperienza tutta personale.

 

Roberto de Santis nasce a Torino nel 1967. Si sposta a Palmi in Calabria, a Vicenza e infine a Milano dove tuttora vive e vegeta. Per qualche anno si diverte, ma dopo vent’anni trascorsi in città il carattere peggiora. Continua a dipingere nel suo antro, interagisce con il mondo di tanto in tanto, e sogna di cambiare aria. Magari in un posto di mare.

 

www.robertodesantis.net

 

Inaugurazione giovedì 10 novembre ore 21,
INGRESSO LIBERO
 

ANONYMOUS STREET ART

E-mail Stampa PDF

02_300Una sorprendente galleria di messaggi anonimi, collezionati “sulla strada” nelle principali metropoli europee: le fotografie di Antonio Napoletano, dedicate alla street-art in tutte le sue forme, sono in esposizione al Dynamo dal 6 ottobre al 9 novembre 2011.

Immagini tratte da una quotidianità urbana impregnata di indifferenza: con lo sguardo assente e la mente assorta nei propri pensieri, le anime della metropoli sono vite che si incrociano senza lambirsi. A Milano, ma ancor di più nelle grandi capitali europee, i muri si vestono di una fitta trama di immagini: dai graffiti agli stikers, dai poster agli stencil. Ogni segno affidato – spesso illegalmente – alla strada è un messaggio privo di voce, il cui obiettivo più profondo è la capacità di rompere il muro, ben più solido di quello materiale, costruito dall’indifferenza.

Fotografo e street-artist autodidatta, Antonio Napoletano scatta in modo intuitivo e spontaneo, con l’occhio attento e analitico del collezionista e con una solidarietà sincera rivolta all’artista con il quale dialoga a distanza: l’autore – sebbene anonimo – del messaggio ritratto.

Inaugurazione giovedì 6 ottobre ore 21, INGRESSO LIBERO
 

TraMe

E-mail Stampa PDF

sabina_la_terra_piangeTanti significati in una sola parola. Tanti messaggi in ogni singola opera. A ricordare che arte significa pluralità, complessità, possibilità di infinite e personali letture. La mostra TraMe di Sabina Giulianelli è in esposizione al Dynamo dal 23 giugno al 6 luglio 2011.

Trame come fini texture, intessute attraverso pennellate di colore, oppure composte dai fili delicati dei nostri stessi pensieri. In una continua ricerca, in entrambi i casi, di un senso di Armonia.

Trame come intrecci di una storia, di tanti differenti racconti il cui tema è riconducibile sempre al binomio universale fra Uomo e Natura. E anche in questo caso, l’Armonia costituisce il difficile obiettivo, il sogno. Un sogno forse realizzabile, come una storia a lieto fine.

E l’intimità necessaria ai sogni è condizione anche per la creazione artistica. “Tra Me e Me” dice Sabina per descrivere il processo alla base della nascita dei suoi quadri.

Fra le TraMe di Sabina Giulianelli, tutte opere a tecnica mista (colla, acrilico, smalti e olio su tela oppure su tavola), troviamo un Angelo Custode per Madre Terra, i Microcosmi della Vita, un Cane che cammina, un Micio variopinto, un’Astratta farfalla, dei Rami secchi che sono mani tese. E infine un Albero che, nell’acqua, fa nascere un fiore.

Inaugurazione giovedì 23 giugno ore 21, INGRESSO LIBERO

 

MILANOMYLAND

E-mail Stampa PDF

duomo_e_luci-lowUn vero e proprio omaggio con il cuore da parte di un artista milanese alla sua città natale, nonché la scenografia di tutta la sua vita. Gli acquarelli di Diego Mariani sono in esposizione al Dynamo dal 9 al 22 giugno 2011.


“Ogni mio passo, ogni mia incertezza e ogni mio sentimento hanno avuto luogo qui, a Milano, teatro di puro caos e finzione in cui cercare e a volte trovare angoli di straordinaria vitalità”. Con queste parole Diego spiega l’origine della sua passione per la propria città e rivela lo stimolo alla base della sua ricerca. In breve, presenta la propria mostra: una galleria di vivaci ritratti urbani ad acquarello, ognuno dei quali rappresenta un luogo importante per l’artista. Per il legame con un ricordo, per essere stato teatro di una vera emozione o di uno speciale incontro.

Avviato sul cammino dell’arte dal padre Roberto e dallo zio materno Alberto Schiavi, Diego Mariani prosegue sulla strada della grafica attraverso le indagini visive nel campo della pubblicità, della fotografia e dell’immagine coordinata ai prodotti. Nel frattempo si avvicina all’indole istintiva del disegno astratto di Pasquale D’Orlando, scoprendo una tecnica pittorica molto personale. Attualmente lavora presso lo Studio di Grafica Ofilab.


Inaugurazione giovedì 9 giugno ore 21,
INGRESSO LIBERO
 

LA DONNA CON IL CAPPELLO GIALLO

E-mail Stampa PDF

donnalowNon più giovanissima, segnata dal tempo e adornata di grandi gioielli. Sullo sfondo di un’anonima località marittima, la “donna con il cappello giallo” pare annoiarsi: arrivata quasi alla fine della sua vita, sul suo animo pesa la consapevolezza di non aver più piaceri da provare o anche solo da cercare. La mostra di Mauro Bottone è in esposizione al Dynamo dal 5 al 18 maggio 2011.


Donne dallo sguardo vago e lontano, dai lineamenti duri e plastici. Corpi asciutti e privati di ogni traccia di femminilità. Ecco i soggetti delle opere di Mauro Bottone: quasi mai realistici dal punto di vista della rappresentazione, ma proprio per questo intensamente espressivi. Complice un’accurata scelta cromatica, le donne di Mauro comunicano con incisività il proprio stato d’animo, quasi sempre segnato dall’apatia e dalla noia. Ma non si tratta di una visione pessimistica e rassegnata dell’esistenza: al contrario, è un monito a condurre una vita piena e a inseguire i valori reali piuttosto che i momentanei piaceri.


Inaugurazione giovedì 7 aprile ore 21,
INGRESSO LIBERO
 
Pagina 1 di 11

TAGS

Organizzazione Eventi, Feste di laurea Compleanni Happy hour Rinfreschi Disco Club Brunch Locale su tre Livelli Musica Dance Hall  Milano Citypage Apple Conca CSS Andrea pellacini dapunk Underground Eventsbar DesignCloud Patrizio LaCrus DYNAMO.it Lightegg  premio qualita` miglior brunch a Milano Acoustic Angelo Nasti Heroes Arte Spettacolo  Pierangelo Conca Marco  Walter Web design Pierangelo Spirit In The Night the Stone Pony pub Clubbing Pats VILLAGE.

Marchio Depositato

Licenza Creative Commons
LOGO DYNAMO CLUB by patrizio conca is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.dynamo.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.citypage.it

Credits

Sito realizzato da Citypage.it | Indicizzazione e posizionamento attività commerciali Locali.