APPARENZE E MUTAZIONI METROPOLITANE

Stampa

happy_hour_90x58La trasformazione del contesto metropolitano – e degli individui che ne fanno parte – è il tema ricorrente dei lavori di Silvano Spelta, pittore dalla solida formazione accademica e acuto osservatore della realtà che lo circonda. Milano, sua città d’adozione, è sempre sullo sfondo. Perché le mutazioni sociali e ambientali, in rapida accelerazione negli ultimi decenni, appaiono particolarmente evidenti nelle grandi metropoli. Le opere di Silvano Spelta sono in esposizione al Dynamo dal 4 al 17 marzo 2010.

In occasione dell’inaugurazione della mostra, giovedì 4 marzo, è in programma un’esibizione live del quintetto jazz Light Quintet, a partire dalle ore 21.

“Osservo la grande città, là dove c’è il cuore, il centro, dove è sicuramente più probabile recepire le novità, il movimento. E mi accorgo che è in atto una complessa trasformazione nella quale siamo tutti coinvolti o travolti, partecipi o esclusi, attori o addirittura vittime”. Con queste parole Silvano descrive il senso delle opere che propone al Dynamo. La realtà si muove velocemente e il suo fluire è continuo, privo di cesure e di pause. Per evitare di essere travolti da tale flusso, ogni individuo deve “attrezzarsi per galleggiare”. Deve imparare quindi a farne parte e ad assecondare la corrente, ma sempre mantenendo alto il livello della consapevolezza e dell’attenzione.

Alla tematica della mutazione si lega strettamente quella dell’apparenza. Personaggi dai volti inespressivi, dalla superficie quasi di specchio, popolano le opere di Silvano. A dare un carattere all’umanità da lui rappresentata sono solo gli abiti, sfoggiati con una fierezza che nasconde una grande insicurezza interiore. E una profonda crisi d’identità. E’ la denuncia di Silvano contro “il vuoto che sta dietro alle patine di plastica delle milanodabere e delle viedellaspiga, alle teche eccessive del lusso e del glamour, in questa nostra città (in questo nostro mondo) di valori distorti e infondati”.

INAUGURAZIONE GIOVEDI' 4 MARZO ORE 21